Perdita dei capelli, accettazione psicologica e soluzioni.
Ottobre 28, 2016
Tricopigmentazione dopo la rimozione di una protesi
Novembre 8, 2016

Soluzioni contro la perdita dei capelli | Farmaci e altro

Quando si parla di soluzioni contro la perdita dei capelli dobbiamo stare molto attenti a chi ci affidiamo, a cosa cerchiamo su internet e ai professionisti disposti a tutto per monetizzare. Quando dobbiamo valutare se iniziare o meno una terapia farmacologica facciamo delle ricerche e guardiamo i risultati, spesso non leggendo tutte le descrizioni relative agli effetti collaterali che si possono sviluppare.

A volte capita che, una volta verificati gli effetti collaterali, proseguiamo con l’assunzione del farmaco. Il problema sembra insormontabile e non accettiamo il fatto che la nostra immagine stia inesorabilmente cambiando in negativo.

Nella nostra società è fondamentale apparire, avere il look giusto e sentirsi bene con se stessi. Siamo disposti a correrei dei rischi.

Oggi analizziamo dei famosi farmaci che vengono applicati topicamente e/o sistemicamente per combattere la perdita dei capelli: lo spironolattone e la finasteride.

Spironolattone e finasteride non sono esenti da effetti collaterali.

 

Spironolattone, antiandrogeno topico contro la perdita dei capelli.

Lo spironolattone è un potente antiandrogeno recettoriale che viene applicato sulla cute (topicamente) per cercare di ridurre la perdita dei capelli.

Ne è assolutamente sconsigliata l’assunzione orale dato che lo spironolattone è un diuretico che una volta introdotto nel corpo umano riduce l’assorbimento del potassio e funge abbattitore del testosterone. Si è dimostrato come un’assunzione orale di spironolattone può abbattere il testosterone di oltre il 50%.

 

Gli effetti collaterali potenziali dell’utilizzo dello spironolattone a livello sistemico sono:

  • danni permanenti ai testicoli,
  • ginecomastia,
  • difficoltà ad urinare,
  • eruzioni cutanee dolorose,
  • termori,
  • confusioni,
  • problemi cardiaci,
  • problemi respiratori,
  • nausea,
  • mal di testa ricorrenti.

 

Lo spironolattone viene quindi utilizzato soltanto a livello topico come antiandrogeno recettoriale con buoni risultati ed effetti collaterali contenuti.

 

Finasteride, abbattitore del DHT. Combatte la miniaturizzazione.

Un farmaco invece che dimostra una discreta sicurezza a livello sistemico è la finasteride. La finasteride è un farmaco che serve per abbattere, in parte, il DHT (didrotestosterone) a livello sierico. Garantisce una riduzione di questo ormone (responsabile della perdita dei capelli) di oltre il 60% nel corso dei mesi.

Una riduzione di DHT spesso si traduce in un miglioramento sostanziale della qualità e della quantità dei capelli nel giro di pochi mesi.

 

Gli effetti collaterali più temuti dovuti all’assunzione di finasteride sono:

  • abbassamento della libido
  • impotenza

 

Seppur questi effetti collaterali siano piuttosto rari è altrettanto vero che sono psicologicamente difficili da affrontare. Il motivo principale della nostra preoccupazione è che perdendo i capelli saremo meno attraenti con il partner. Questi effetti potenziali si scontrano decisamente con le nostre priorità.

Assumere farmaci ci espone sempre a potenziali effetti collaterali che dobbiamo conoscere e con in quali, in caso, dobbiamo convivere.

 

Lascia un commento